Il ciclo indissolubile – Grammenos Mastrojeni

Il ciclo indissolubile: Pace, ambiente, sviluppo e libertà nell’equilibrio globale – Grammenos Mastrojeni
€ 13 Ed. Vita e Pensiero pg 178 2002
cicloindissolubile

Pace, ambiente, sviluppo e libertà nell’equilibrio globale è il sottotitolo di questo libro di Grammenos Mastrojeni, un, per me sconosciuto finora, diplomatico alle Nazioni Unite ed autore di numerosi studi sulle organizzazioni internazionali.

Nel libro egli incentra tutto il suo discorso sulla globalizzazione, sui suoi diversi approcci ed effetti, sulla centralità dell’uomo e sulla interdipendenza dei quattro fattori citati nel sottotitolo. La parola chiave del libro, menzionata fin troppo spesso, è “cooptazione“, intendendo con essa la necessità che sia ogni uomo/ogni individuo del pianeta a smuoversi per il benessere comune, a sentire propria e non a subire la spinta globalizzatrice, a cooperare e a recepire la necessità di una visione differente del pianeta, dell’economia e delle frontiere e sia e si senta responsabile e possa quindi usufruire di tutte quelle libertà che glielo consentano.

L’autore ritiene ogni azione politica ed economica debba avere come finalità l’uomo e che i cambiamenti in atto debbano avere uno sviluppo dal basso e non imposto, altrimenti per quanto positive e in buona fede le politiche intraprese saranno destinate a fallire.
La pace, l’ambiente, lo sviluppo e la libertà sono elementi inscindibili nell’analisi di qualsiasi processo e nell’elaborazione di nuove politiche e partendo da questo presupposto l’autore tocca i temi della migrazione, della guerra, del commercio equo, delle ONG e degli organismi internazionali. A questi ultimi soprattuto dedica un’attento studio, spiegandone la nascita la struttura, i cambiamenti di rotta e i numerosi errori.

E’ un libro abbastanza interessante, anche se non proprio scorrevole e in alcuni punti un po ridondante, però la cosa che piu mi ha colpito ed affascinato, oltre che disorientato, è stato che l’autore non è schierato a priori, e che al contrario di numerosi libri sull’argomento non si limita a discernere pro o contro la globalizzazione. Infatti, sostiene, essa è una dinamica storica che procede autonomamente (dovuta ad un naturale “sinecismo” o moto confluente dell’umanità) e quello che si puo e si deve fare è “semplicemente” cambiare prospettiva e far si che questa dinamica assuma dei connotati naturalmente piu umani.

Quindi il semplice fatto che spesso non si capisce bene “da che parte stia” l’autore, permette di ragionare sull’argomento anche da punti di vista differenti e ed è spunto di riflessione in misura maggiore rispetto a libri simili che magari piacciono di più proprio e soltanto perchè dicono cose che gia si sanno o in cui gia si crede.

Annunci

1 Response so far

  1. 1

    […] finito di leggere l’intero testo mi è venuto in mente un bel libro letto qualche anno fa in cui questi concetti vengono riproposti in una chiave molto più […]


Comment RSS

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: