Shantala – L’arte del massaggio indiano per far crescere i bambini felici

Shantala – L’arte del massaggio indiano per far crescere i bambini felici
Frederick Leboyer
€ 7,50 Pg. 148
Sonzogno Tascabili – I libri di Salve 2007

Ancora prima di partorire mi sono informata riguardo ai corsi di massaggio neonatale tenuti presso consultori e caf (centro assistenza famiglia) della mia zona.
Partorendo a giugno però, come prevedevo, non ho trovato nessun corso che si svolgesse durante il periodo estivo.
Il primo corso, al quale penso comunque di iscrivermi, inizierà solamente a settembre.
Così, durante le mie giornate di shopping sfrenato in libreria, ho cercato più volte testi sull’argomento e non posso dire di non averne trovati.
Ma, malgrado non esca quasi mai da una libreria a mani vuote, non sono mai riuscita a trovarne un libro “completo”, che mi soddisfacesse del tutto: alcuni troppo superficiali, alcuni dei veri e propri mattoni, altri ancora senza fotografie….

Lo scorso weekend invece, sorpresa: abbiamo ricevuto in regalo “Shantala”, che non avevo mai visto su nessuno scaffale delle librerie.
Questo libro infatti, pubblicato per la prima volta nel 1976, si può acquistare più facilmente in internet, oppure va ordinato.
La prima cosa che salta subito all’occhio sfogliandolo è che è pieno di immagini che illustrano passo passo come vanno effettuati i massaggi nelle diverse parti del corpo del bambino.

La “protagonista” del libro è appunto Shantala, una giovane mamma indiana che, raffigurata nelle immagini del testo, pratica dei massaggi al suo bambino.
In India è pratica quotidiana per una mamma massaggiare il proprio figlio.
Massaggiare i neonati può essere utile per diversi motivi, dall’aiutarli a rilassarsi, a distendersi, a calmarli quando hanno le coliche o semplicemente per provocargli piacere.
Attraverso il massaggio inoltre la mamma può entrare in relazione col bambino, instaurando con lui un legame più profondo che non si nutre di parole ma di piccoli gesti, carezze, movimenti, sguardi e attenzioni.
Durante il massaggio è molto importante il contatto visivo: nella maggior parte delle posizioni infatti il bambino è rivolto in modo che possa guardare la mamma.

Nel libro si consiglia di iniziare a praticare i massaggi a partire dal primo mese di vita del neonato.
Prima il contatto fisico è altrettanto importante, infatti il bambino potrà essere cullato, coccolato e accarezzato.
Non esiste invece un limite d’età per ricevere i massaggi: i benefici saranno gli stessi anche per bambini più cresciuti, comunque si consiglia di praticarli almeno fino ai quattro mesi.
E la durata? Anche in questo caso non credo vi siano limiti.
Le sedute saranno via via più lunghe ed intense e verso il mese di età dovrebbero durare circa venti minuti-mezz’ora.
Sembra tanto, soprattutto in un periodo della propria vita in cui il tempo sembra non bastare mai.
Ma se pensate che state imparando a conoscere non solo il corpo ma anche il carattere di vostro figlio, allora il tempo verrà.

Vorrei infine segnalarvi questo link dove potrete trovare la prima parte del testo del libro, in cui l’autore parla della nascita, del neonato e delle sensazioni che egli prova una volta approdato in questo mondo.

Annunci

3 Risposte so far

  1. 1

    […] News » News Shantala – L’arte del massaggio indiano per far crescere i bambini …2008-08-08 03:37:06È indiana che, raffigurata nelle immagini del libro è pratica quotidiana per […]

  2. 2

    Giuly said,

    Ho partecipato al corso di massaggio organizzato dal consultorio del mio comune con Ricky.. Bello e rilassante ma per le mamme lavoratrici poco “praticabile”.. Se vuoi ho il CD con la musica da usare come sottofondo, la ninna nanna dell”AIMI”..

  3. 3

    stefania said,

    ciao volevo chiedere a giuli dove posso trovare il cd della ninna nanna della aimi.
    Ho fatto il corso 7 anni fa con la mia bimba Valentina adesso è arrivato Simone e volevo iniziare anche con lui e quella musica era fantastica.
    Grazie mille


Comment RSS

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: