Settimana lavorativa da 65 ore? No, grazie!!

65 ore di lavoro a settimana, e cioè 5 giorni da 13 ore o se preferite solo 9 ore e mezza ma tutti i giorni

No, non stiamo parlando delle condizioni di lavoro di uomini e donne ridotti a schiavi nelle fabbriche di fine ‘800. (Purtroppo) ci stiamo riferendo alla proposta avanzata da molti governi europei – tra cui anche l’Italia – e sostenuta dal Consiglio Europeo per innalzare il massimo di ore lavorative dalle attuali 48 fino appunto a 65…

lavoratori fine '800

E’ colpa della crisi, e della competizione con i paesi che hanno minori restrizioni in termini di diritti dei lavoratori e di sicurezza.

Non importa se la disoccupazione è sempre più un problema e con la crisi si sta accentuando un pò ovunque. Non importa se il fine della tecnologia dovrebbe essere il farci lavorare di meno a con maggiore efficienza e produttività. Non importa se il progresso dovrebbe condurci ad un minore impegno lavorativo (in termini di ore) in cambio di una maggiore pienezza di vita, di relazioni e di felicità.

La crisi, il mercato, la competizione, la tecnologia ci stanno invece portando a considerare di fare grossi passi indietro in termini di conquiste e diritti dei lavoratori, e rivalutare settimane lavorative dagli orari assurdi. Fortunatamente, in questo caso, il Parlamento Europeo si è opposto e il 17 dicembre ha ribadito il limite delle 48 ore settimanali e ha respinto le deroghe che una 15 di stati europei stanno già applicando per superare tale limite.

Per saperne di più

Annunci

1 Response so far

  1. 1

    […] mentre ancora qualcuno per aumentare la competitività vorrebbe riportare gli orari di lavoro a quelli ottocenteschi, nella società della decrescita una delle “rivoluzioni” più auspicabili e necessarie […]


Comment RSS

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: