Bauman Circus – Il circo della modernità liquida

Intorno a noi si succedono cambiamenti epocali. I codici e le pratiche con cui i nostri genitori affrontavano la vita non sono più validi. Le città sono cambiate. Il lavoro è cambiato. I rapporti interpersonali sono cambiati. Quanto più attorno a noi vengono abbattute le frontiere, tanto più la società si chiude in sé stessa. In questo spazio fragile e difeso ossessivamente, siamo incapaci di progettare un futuro.

bauman circus

Ci muoviamo nella società con le caratteristiche dei fluidi: mobili, adattabili, incapaci di fissarci in una forma definita, in balìa delle spinte e delle forze esterne che incontriamo.  La metafora della liquidità è quella che meglio rappresenta le mutazioni inarrestabili che si  accompagnano alla modernità e alla globalizzazione.

Bauman Circus è uno spettacolo che tenta di leggere la realtà a partire dalle opere di Zygmunt Bauman, alternando a brani tratti dai suoi libri, frammenti di racconto, esperienze personali, articoli di giornale e analisi statistiche.

Noi siamo andati a vedere lo spettacolo sabato scorso allo Spazio Mil, l’area al confine tra Milano e Sesto San Giovanni dove un tempo sorgeva la fabbrica della Breda e che è stata completamente rinnovata per alloggiare un locale/ristorante, un museo e appunto il teatro.

All’inizio eravamo un po’ scettici sul portarci dietro Ale, soprattutto perchè lo spettacolo, in cui recitano 5 attori, tutti di nazionalità diverse, è un mix di mezzi espressivi (videoproiezioni, danza, prosa, musica, canto) e partecipa una piccola orchestrina di 5 polistrumentisti. Quindi temevamo che fosse un po’ troppo rumoroso e “iperstimolante” per le sue orecchie e i suoi occhietti di 8 mesi, ma siccome comunque lo spettacolo dura poco piu di un’ora ed Ale era già venuto a teatro con noi..  abbiamo corso il rischio. Ebbene se la volta scorsa Ale ha dormicchiato tranquillo tutto il tempo, questa volta è stato ben sveglio, ma bravissimo e quasi attento ai colori e ai suoni che provenivano dal palcoscenico. Agli applausi finali era addirittura divertito.

Ma tornando allo spettacolo,  oramai la rappresentazione allo Spazio Mil è terminata, ma credo proprio che la stiano portando in giro per l’Italia quindi se capita dalle vostre parti, un salto consiglio di farlo.  Non è proprio un’opera digeribilissima, (come non lo sono gli scritti di Baumann) ma la miscela di teatro, “musical” e nuovi media rende lo spettacolo interessante e originale.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: