Il tempo è denaro

Chi non ha mai pronunciato queste famossisime parole?  Chi non ha cercato di smuovere qualcuno dall’ozio esortandolo con questa massima?

Pochi sapranno però che questo aforisma, che ben descrive la nostra frenetica società capitalistica, trova le sue origini a fine 1700 ed  è attribuita al giornalista, filantropo, diplamatico ed inventore Benjamin Franklin (a lui dobbiamo il parafulmine).il tempo è denaro

La riflessione che voglio condividere però è un’altra:   Il tempo è denaro.   Ma vale di più il tempo o il denaro?

Secondo noi  il tempo vale indubbiamente più del denaro. Certo, come per il denaro, conta molto come viene speso. Ma in linea di massima avere più tempo a disposizione ci permette di vivere una vita più piena, di esperienze e di relazioni.

E spesso ci permette anche di risparmiare denaro perchè apre innumerevoli possibilità di autoproduzione. Se ho tempo per i miei figli, non ho bisogno della baby sitter, se ho tempo per i miei genitori, non ho bisogno della badante. Se ho tempo per badare alla casa, non ho bisogno della donna di servizio. Se ho tempo per autoprodurmi pane, formaggio, yogurt, detersivi ecc non ho bisogno di comprarli.   Certo, ci vuole anche la voglia di fare tutte queste cose, probabilmente in molti nel tempo libero starebbero a poltrire davanti alla tv o a giocare alla playstation. Ma qui non stiamo parlando di ozio, più o meno creativo, e nemmeno genericamente  di tempo libero. Ci riferiamo al tempo liberato. Liberato dal lavoro.

Infatti, mentre ancora qualcuno per aumentare la competitività vorrebbe riportare gli orari di lavoro a quelli ottocenteschi, nella società della decrescita una delle “rivoluzioni” più auspicabili e necessarie è proprio quella della riduzione dell’orario di lavoro.   Lavorando meno si ha più tempo per sè stessi, per gli altri e per sviluppare o recuperare manualità, competenze, tradizioni che a causa del progresso sono andate perdute  ma che fanno parte della nostra cultura e che sono in grado di arricchirci come persone.

Annunci

1 Response so far

  1. 1

    […] teoria stramba esposta da intellettuali elitari, e ricchi, che possono permettersi di sostenere che dovremmo tutti lavorare meno, e quindi la crisi in fondo, è una cosa […]


Comment RSS

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: