Posts tagged capitalismo

Eduardo Galeano – A testa in giù

a testa in giù - coverEduardo Galeano
A testa in giù – La scuola del mondo alla rovescia
Sperling & Kupfer 1999
€ 14.50 Pg 356

Ho acquistato questo libro di Eduardo Galeano perchè mi aveva colpito una sua citazione in un libro letto qualche mese fa (Una nuova narrazione del Mondo di Riccardo Petrella) e poi perchè curiosando in internet ero finito su un estratto di “Il pianeta dei paradossi” in cui con molto umorisimo e una punta di amarezza questo giornalista -scrittore Uruguayano, vissuto in esilio in Argentina e in Spagna dal 1973 al 198, elenca alcune notizie/fatti assurdi che caratterizzano la nostra era della “ragione”.

Il libro è scritto come se fosse un vero e proprio manuale, con i capitoli strutturati in lezioni, schede di approfondimento e tante illustrazioni dell’artista messicano Josè Guadalupe Posada. Il “piano di studi” di Galeano include I modelli del successo, Il corso elementare di disuguaglianza, L’insegnamento della paura, L’amnesia obbligatoria, Il come elaborare nemici su misura, il diritto al deliro, e tanto altro ancora.

L’autore mette a nudo con la sua prosa dissacrante tutte le contraddizioni e i paradossi del mondo moderno e con un enorme mole di citazioni e di dati scardina tutte le convinzioni che hanno messo radici nelle nostre menti di cittadini del Nord del Mondo attraverso secoli e secoli di Storia. Storia che non è altro che una sorta di amnesia obbligatoria perpetrata dai vincitori. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Comments (1) »

Pianeta McTerra – Vicente Verdù

Pianeta McTerraPianeta McTerra Consumatori globali nell’epoca del capitalismo di finzione
Vicente Verdu’
Sperling & Kupfer 2004
€ 13,50 pg 2758

In questo libro con il titolo non particolarmente felice, almeno nella traduzione italiana (il titolo originale sarebbe “Lo stile del mondo”) Vicente Verdu’, sociologo, giornalista e scrittore spagnolo, ritrae l’attuale situazione mondiale, dominata da quello che lui stesso arriva a definire come Capitalismo di Finzione.

L’autore infatti sostiene che dalla caduta del muro di berlino abbiamo assistito ad una trasformazione del capitalismo di consumo (già successore del capitalismo di produzione) in capitalismo di finzione. Una nuova forma di capitalismo, più amichevole, morbido, che ha come obiettivo quello di creare un universo pieno di buon umore, una realtà fittizia e controllata, semplice e infantile come un reality show. Un capitalismo che promuove un modello di habitat dove si riesca a vivere protetti e contenti, un mondo di sicurezza di fronte al terrorismo, di creatività davanti alla routine e d’avventura di fronte alla normalità.

Questa nuova forma di capitalismo viene addirittura definita dal forte stampo femminile, infatti, contrariamente al capitalismo di produzione, fallico e autoritario, è più seducente che imperativo, ricorre al consenso per addolcire l’imposizione e promuove la collaborazione per mascherare la gerarchia. Leggi il seguito di questo post »

Commenti disabilitati

Una nuova narrazione del mondo – Riccardo Petrella

Una nuova narrazione del mondo
Riccardo Petrella
Una nuova narrazione del mondo
EMI pp. 192 – Anno 2007 – € 10,00

nuovaNarrazioneMondoRiccardo Petrella è un economista politico che ha lavorato per diversi anni alla Commissione Europea di Bruxelles, nel 1991 ha fondato Il Gruppo di Lisbona per analizzare i cambiamenti della globalizzazione e nel 1997 ha istituito il Comitato Istituzionale per Il Contratto Mondiale dell’acqua.

Questo libro nasce dalla rielaborazione di un intervista a lui posta da Roberto Bosio. Ed infatti all’interno dei suoi 7 capitoli presenta domande e risposte risultando così più incisivo e di scorrevole lettura.

Dalla quarta di copertina si legge:

La narrazione dominante del mondo d’oggi è ispirata da 3 forze maggiori:

– la fede nella tecnologia
– la fiducia nel capitalismo
– la convinzione dell’impossibilità di alternative al sistema attuale.

La Teologia Universale Capitalista (TUC) è alla base del sogno mondiale del capitalismo e di una società di mercato competitiva.

La nuova narrazione del mondo costruisce una rappresentazione del mondo, fondata su 7 principi:

– il principio della vita
– il principio dell’umanità
– il principio del vivere insieme
– il principio dei beni comuni
– il principio della democrazia
– il principio della responsabilità
– il principio dell’utopia.

L’originalià e lo spunto interessante del libro sta proprio nel interpretare la attuale situazione economica e sociale del mondo attraverso la metafora religiosa. La Teologia Universale Capitalista ha quindi la sua trinità (liberalizzazione, deregolamentazione, privatizzazione), la sua Pentacoste (la tecnologia), il suo vangelo (quello della competitività), i suoi teologi e i suoi evangelisti ecc. Perfino la sua nuova arca di Noè: il mercato globale! Leggi il seguito di questo post »

Commenti disabilitati