Posts tagged giocare

La prima scatola delle forme

Ale sta per compiere un anno e le attività da proporgli stanno diventando via via più articolate e complesse.

Le sue abilità infatti migliorano di giorno in giorno: cammina attaccato a pareti e oggetti sempre più velocemente e quando non se ne accorge rimane staccato per parecchi secondi; afferra due oggetti contemporaneamente nella stessa mano; svuota le scatole; mette diversi oggetti in lunghi tubi di metallo; sposta i giochi da un contenitore all’altro; lancia le palle….

Qualche settimana fa gli ho preparato la sua prima scatola delle forme.
Per costruirla ho usato un contenitore del caffè di metallo, di quelli con il tappo a pressione di plastica dura.

Leggi il seguito di questo post sul NUOVO blog

Commenti disabilitati

Giochi d’acqua

Il caldo è arrivato e non siamo solo noi a sentirlo, ma anche i nostri bimbi: Ale è spesso sudato e appiccicaticcio, cerca molto di più la tetta ed è contento di bere dell’acqua fresca dal suo bicchiere!

Fin da quando Ale aveva 3 mesi, una volta a settimana andiamo in piscina, cosa che sicuramente in questo periodo dell’anno è ancor più un piacere!

Ma per fortuna si può giocare con l’acqua anche a casa, organizzandosi con una piscinetta gonfiabile oppure con una semplice vaschetta bassa e abbastanza grandina perchè il bambino vi possa stare seduto tranquillo.

giochi_acqua

L’acqua non deve essere troppo fredda e ne basta poca, anche perchè se considerate che una buona quantità finirà fuori dalla vaschetta…..

Leggi il seguito di questo post sul NUOVO blog

Commenti disabilitati

La scuola anti trantran – Maria Luisa Bigiaretti

Scuola anti trantran coverLa scuola anti trantran – Imparare divertendosi – Una maestra racconta
Maria Luisa Bigiaretti
Nuove Edizioni Romane – 2006
Prezzo: € 15 Pagine: 219

Questo libro è il racconto di alcune tra le mille esperienze vissute da una maestra delle elementari che, a partire dal primo dopoguerra, si è impegnata ad offrire a tutti i suoi alunni un insegnamento nuovo, completamente diverso dai sistemi tradizionali.

I bambini non vengono sommersi da nozioni, informazioni e spiegazioni sterili, ma tutto il lavoro fatto in classe è arricchito dall’esperienza pratica di ognuno. Questo nuovo metodo però non esclude alcuni aspetti di base dell’educazione tradizionale, come per esempio le esercitazioni, che rimangono di fondamentale importanza per l’assimilazione durevole delle nozioni apprese. Leggi il seguito di questo post »

Commenti disabilitati