Posts tagged giochi

Hugg a planet

Sabato 19 e domenica 20 Settembre insieme alla nostra associazione Officina dei Colori hanno partecipato alla manifestazione Isola che c’è moltissime altre cooperative, aziende e piccole realtà associative interessate a diversi modi per vivere in modo più sostenibile ed etico.

E noi ovviamente non siamo riusciti a non girovagare tra uno stand e l’altro in cerca di libri, assaggini biologici o giocattoli ecologici per il nostro piccolo Ale o per le attività per bambini che proponiamo con la nostra associazione culturale.

E se curiosare è stato divertente, comperare, in alcuni casi è stato quasi un obbligo…!!

cuscino_mappamondo

Per esempio la Hugg a planet, una palla morbida che oltre ad essere un simpatico e colorato giocattolo,

Leggi il seguito di questo post sul NUOVO blog

Annunci

Commenti disabilitati

Da grande voglio fare… il blogger ! (o il programmatore)

Visto che l’ultima volta che ho lasciato Ale avvicinarsi al mio computer dopo meno di 2 minuti l’ho visto vagare per la sala con in mano la barra spaziatrice che era riuscito a scardinare con le sue minuscole ditina

…e visto che appena io e la Frà siamo al computer Ale vuole essere preso in braccio per guardare dentro al monitor o per pestare le manine sulla tastiera…

ale con il suo pc di cartone

… ieri ci è venuto in mente che avevamo in cantina una vecchia tastiera rotta.

Leggi il seguito di questo post sul NUOVO blog

Commenti disabilitati

Gioco libero e sandplay therapy

Con la nostra associazione culturale portiamo in giro ormai da anni laboratori ludico-didattici che hanno lo scopo di far capire ai bambini e ai genitori l’importanza del gioco per lo sviluppo psico-fisico, oltre che ovviamente farli divertire. Sono didattici perchè inevitabilmente attraverso il gioco, finiscono per imparare qualcosa, ciònonostante la finalità non deve essere questa altrimenti non si parlerebbe più di gioco ma di una lezioncina mascherata da qualcosa di più o meno divertente.

sabbiera

Quello che cerchiamo di trasmettere con le nostre attività, e che ovviamente cerchiamo di mettere in pratica quotidianamente con Ale, è che il gioco è un mezzo fondamentale per conoscere sè stessi e il mondo, sviluppare la propria creatività, imparare a relazionarsi con gli altri, scoprire e sperimentare regole sociali e leggi scientifiche ed esprimere i propri stati d’animo.

Durante il gioco cosiddetto libero quindi, il bambino deve lasciarsi guidare dai propri sentimenti, deve lasciarsi trasportare dalla fantasia e seguire le sensazioni che materiali, profumi e colori scatenano in lui. Anche se spesso la fretta e la stanchezza ci porterebbero ad approfittare dei momenti di pace regalati dal gioco libero dei nostri bimbi, in realtà proprio durante questi momenti il genitore, o l’educatore, deve mantenere un atteggiamento distaccato ma allo stesso tempo molto atttivo.
Leggi il seguito di questo post sul NUOVO blog

Commenti disabilitati

Macchinina di cartone: meglio delle giostre!

L’altro pomeriggio Ale si stava un pò annoiando (e la mamma aveva fame di qualche schifezza…)e così l’ho infilato nella fascia e abbiamo fatto un salto al supermercato.
Dopo una mezz’oretta siamo rientrati a casa con il nostro bottino: una confezione di gelati e una scatola di cartone rigido, di quelle basse che in genere servono per trasportare la frutta.

macchinina_cartone

Non avendo Ale sviluppato ancor particolari doti artistiche abbiamo saltato quella che sarebbe stata la prima fase del progetto: la trasformazione di una semplice scatola in una supermacchina.

Leggi il seguito di questo post sul NUOVO blog

Commenti disabilitati

Gioco euristico

Uno dei giochi che ha accompagnato quotidianamente Ale in tutti questi mesi è stato il cestino dei tesori (di cui vi parlerò prossimamente!!): oggetti più che comuni l’hanno tenuto impegnato e super concentrato per lunghissime mezz’ore.
Niente a che vedere insomma con la maggior parte dei giocattoli “commerciali” che, esaurito l’interesse legato alla novità, lo stufano nel giro di una decina di minuti massimo.

cestinodeitesori

Ora che è cresciuto e la sua voglia di muoversi lo spinge ad allontanarsi dal cestino per scoprire tutto ciò che lo circonda e che, in posizione eretta, è diventato magicamente a portata di mano, sto iniziando a proporgli la variante successiva del cestino dei tesori, il gioco euristico (dal greco ευρίσκω, heurísko, letteralmente “scopro” o “trovo”).

Leggi il seguito di questo post sul nuovo blog

Commenti disabilitati